Binance potrebbe congelare gli account dei russi sanzionati

Secondo recenti rapporti, il più grande exchange di criptovalute del mondo, Binance, ha mirato a bloccare gli account utente russi disponibili nell’elenco delle sanzioni a causa della guerra. L’azione è avvenuta dopo che il vice primo ministro ucraino ha chiesto agli exchange di criptovalute mondiali di impedire i conti di criptovaluta dei commercianti e delle persone politiche russe. Di conseguenza, Binance alla fine ha rifiutato di limitare tutti gli account utente di criptovalute russi, ma ha assicurato di limitare solo quegli account nell’elenco delle sanzioni.

Un rappresentante di Binance ha spiegato a Reuters: “Stiamo bloccando gli account di quelli nell’elenco delle sanzioni (se hanno account Binance) e assicurando che tutte le sanzioni siano soddisfatte per intero.”

Sanzioni contro la Russia

Inghilterra, Europa e America hanno imposto sanzioni economiche alla Russia per vendetta per aver iniziato gli attacchi all’Ucraina. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha annunciato sanzioni radicali contro le banche russe VEB e le sue banche militari. Biden ha anche annunciato sanzioni globali sul debito sovrano.

Inoltre, le reti di messaggistica interbancaria e il sistema di pagamento internazionale SWIFT, che gestiscono le transazioni in contanti transfrontaliere, hanno bloccato i servizi di trasferimento fondi della banca russa. Mykhailo Fedorov, vice primo ministro dell’Ucraina, ha chiesto su Twitter ai principali exchange di criptovalute del mondo di impedire i conti in valuta digitale dei clienti bielorussi e russi.

Ha scritto su Twitter: “È fondamentale bloccare non solo gli indirizzi legati ai politici russi e bielorussi, ma anche per sabotare gli utenti comuni.”

Gli exchange di criptovalute diminuiscono la richiesta dell’Ucraina

I principali scambi di criptovalute, in particolare Binance e Kraken, hanno entrambi rifiutato la richiesta dichiarando che non avrebbero applicato sanzioni a tutti gli account. Tuttavia, Jessee Powel, CEO dell’exchange di criptovalute Kraken, ha twittato che la società “non può bloccare gli account dei nostri clienti russi senza un obbligo legale di farlo”.

Binance
Binance

KuCoin, un altro scambio di criptovalute, ha anche dichiarato che non avrebbe congelato gli account crittografici di utenti russi innocenti. Un altro rappresentante di Reuters ha informato che Binance non ha intenzione di congelare milioni di titolari di conti crittografici impeccabili in modo indipendente. Il mercato delle criptovalute è un modo per facilitare le persone in tutto il mondo con un ambiente economico autogestito.

Dopo che la Russia ha attaccato l’Ucraina, tutti gli scambi di criptovalute vengono monitorati a causa della minaccia che gli individui ucraini possano utilizzare le valute digitali per evitare sanzioni. Inoltre, le criptovalute non sono altro che benedizioni per le forze armate ucraine dopo la guerra perché hanno acquisito milioni di dollari in donazioni attraverso raccolte fondi di criptovalute.

Exchange di criptovalute che favoriscono la richiesta dell’Ucraina

Dmarket, un exchange di criptovalute, ha annunciato tramite Twitter di aver interrotto tutte le relazioni con Russia e Bielorussia a causa di un attacco all’Ucraina. La società ha confermato di aver interrotto la registrazione dei clienti russi e bielorussi con Dmarket e ha confermato che gli account bloccati che tutti gli utenti appartengono a Russia e Bielorussia.

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

Leave a Reply