L’UE include asset crittografici nella sua lista di sanzioni contro Russia e Bielorussia

L’Unione Europea ha annunciato mercoledì in ritardo che i beni crittografici rientrano nella categoria dei “titoli trasferibili” e quindi sono chiaramente inclusi nell’ambito delle sanzioni imposte alla Russia per la sua invasione dell’Ucraina e della Bielorussia per la sua partecipazione. Secondo l’UE, a determinate entità aziendali e individui dei due paesi alleati è vietato scambiare risorse digitali nell’UE.

Criptovalute in pericolo

L’organizzazione ha affermato che le azioni più recenti hanno preso di mira 160 persone, inclusi 14 miliardari e uomini d’affari attivi nei settori economici russi critici. La dichiarazione è arrivata come parte di un aggiornamento sulle sanzioni dell’UE contro la Bielorussia per la sua partecipazione all’invasione russa dell’Ucraina.

L’ampliamento delle sanzioni arriva sulla scia dell’annuncio del blocco il mese scorso che avrebbe bandito varie banche russe dalla rete di pagamento internazionale SWIFT, una serie di restrizioni che all’epoca non specificavano come sarebbe stata gestita la criptovaluta. Sberbank, la più grande banca russa, ha dichiarato il suo ritiro dal mercato europeo a seguito di queste sanzioni.

Repressione di Bielorussia e Russia

In Bielorussia, queste restrizioni vietano la quotazione e la fornitura di servizi in relazione alle azioni delle imprese statali del paese nelle sedi di negoziazione dell’UE, precludono la fornitura di banconote in euro alla Bielorussia e “limitano significativamente” gli afflussi finanziari alla Bielorussia UE dalla Bielorussia.

Europa
Europa

Per quanto riguarda la Russia, le norme aggiornate impongono nuove limitazioni alla navigazione marittima e alle esportazioni di tecnologia radio. Inoltre, aggiunge il Russian Maritime Register of Shipping all’elenco delle società statali soggette a restrizioni. I politici statunitensi hanno espresso preoccupazione per il fatto che la Russia possa utilizzare la criptovaluta per sfuggire alle sanzioni.

Bitcoin Mining come rifugio

Secondo gli esperti, la Russia potrebbe passare all’estrazione di Bitcoin – un settore in cui il presidente Putin ha precedentemente affermato che la Russia ha un “vantaggio competitivo” – o all’uso di scambi non conformi, un metodo che i criminali russi hanno già utilizzato. Analogamente agli Stati Uniti, l’Unione Europea si è impegnata a non inviare soldati sul suolo ucraino e, per il momento, evita un impegno militare diretto con la Russia.

Tuttavia, il blocco ha schiaffeggiato il paese più grande del mondo con severe sanzioni monetarie volte a erodere la sua influenza e tagliare i suoi legami finanziari con il resto del mondo. La commissione per gli affari economici e monetari del Parlamento europeo è pronta a votare il 14 marzo su un quadro giuridico per le criptovalute nell’UE.

Mentre questo si è sviluppato, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, le cui richieste di una no-fly zone della NATO per salvaguardare le sue città sono rimaste inascoltate, fa appello a Washington per il supporto aereo poiché il Congresso considera un pacchetto di aiuti da 14 miliardi di dollari. Circa 2,2 milioni di persone erano fuggite dal conflitto entro giovedì.

Bitcoin sotto $ 40.000

Nel frattempo, secondo i dati di Coincecko, Bitcoin veniva scambiato a $ 39.204,34. La criptovaluta più ricercata al mondo ha perso circa l’11% negli ultimi sette giorni.

Click to rate this post!
[Total: 1 Average: 5]

Leave a Reply