Polkadot Crypto: Cos’è e Come Funziona

Cos’è PolkaDot? Polkadot è una rete blockchain che può essere descritta come una “blockchain di blockchain” o multichain. È difficile definire cosa sia Polkadot perché è un oggetto unico nel suo genere, quindi dobbiamo prima capire la sua struttura. Il progetto è gestito da un team guidato da Gavin Wood, l’ex CTO del progetto Ethereum.

Problemi con le blockchain esistenti

Decentramento, velocità e sicurezza. Per qualsiasi blockchain ti venga in mente, è un gioco in cui scegliere una o due delle tre. Questo è noto come il trilemma blockchain. Esaminiamo un paio di esempi…

Ethereum ha successo perché ha un’architettura conveniente per l’implementazione di contratti intelligenti. Ma troppe persone abusano della sua funzionalità e creano progetti inutili come CryptoKitties. A fine 2017 questo progetto occupava quasi il 12% dell’intera rete, paralizzando le transazioni che portano anche a spese alle stelle.

EOS, d’altra parte, offre transazioni quasi istantanee. Tuttavia, ha nominato validatori di blocchi che aprono le porte alla manipolazione. Questo è il motivo per cui EOS è considerato da molti come una rete molto centralizzata.

Tutte le blockchain fanno dei compromessi per supportare determinate funzionalità.

C’è un altro problema che limita la nostra transizione dal Web 2.0 al Web 3.0. Esistono centinaia di blockchain pubbliche, tutte per scopi specifici. Tutte queste reti sono isolate l’una dall’altra e nessuna informazione può essere scambiata tra i progetti. È come se banche o istituzioni diverse non potessero interagire tra loro. Tale mancanza di interoperabilità impedisce l’adozione di massa della tecnologia blockchain.

Polkadot mira a risolvere tutti questi problemi.

Come Funziona Polkadot

I due principali componenti strutturali della multichain Polkadot sono Relay chain e Parachains. La catena di relè è al centro di tutto. È responsabile della sicurezza, del consenso e dell’interoperabilità cross-chain su tutta la rete e ha una funzionalità intenzionalmente ridotta. Ad esempio, gli smart contract non sono consentiti.

La catena di inoltro, proprio come qualsiasi altra blockchain, ha validatori scommessi con DOT – la valuta nativa di Polkadot – per l’utilizzo di Proof of Stake per ottenere il consenso. Il meccanismo di convalida è in realtà chiamato “Nominated Proof-of-Stake“. I nominativi legano la loro puntata a particolari validatori per aiutarli a essere riconosciuti dalla rete e avere il permesso di estrarre i blocchi. I profitti e le perdite sono condivisi con i designatori. In questo modo i validatori non affidabili verranno esclusi dal sistema.

Le parachain sono blockchain che si collegano alla catena Relay e delegano ad essa il loro consenso e i calcoli di sicurezza. In questo modo, le paracatene diventano veloci e prive di congestione. Ogni parachain può avere ancora le sue regole di governance ma deve essere in grado di superare blocchi che la catena di Relay possa comprendere. Il lavoro di transizione da una determinata parachain alla catena Relay è svolto da nodi speciali chiamati Collators.

Le paracatene sono costruite per servire un unico scopo. Ad esempio, uno di questi potrebbe essere utile per transazioni veloci mentre un altro è progettato per l’implementazione di contratti intelligenti.

Paracatene e Parafili

Mentre la catena Relay è permanente, le parachain possono disconnettersi e riconnettersi alla rete. La connessione viene stabilita su abbonamento, in modo simile ai pagamenti mensili che effettui a Netflix per guardare i suoi contenuti. Le parachain sono blockchain che funzionano costantemente e affittano il loro spazio nella rete Polkadot bloccando i fondi per la durata del contratto di locazione.

I parathread utilizzano un modello pay-as-you-go. I parathread sono blockchain che devono essere riattivati ​​ed eseguiti meno frequentemente.

Cosa rende Polkadot particolarmente efficace?

Al momento, quasi 100 parachain possono essere collegate alla multichain, il che significa un livello di scalabilità e velocità mai visto prima. Si prevede che un sistema pienamente operativo sarà in grado di elaborare fino a 1.000.000 di transazioni/secondo. E tutto questo pur rimanendo genuinamente decentralizzato: non dobbiamo più preoccuparci del trilemma.

Per progettazione, parachain e parathread possono comunicare. Anche blockchain esistenti come Bitcoin ed Ethereum potrebbero entrare a far parte della famiglia Polkadot tramite i cosiddetti bridge. Questo risolve il problema dell’isolamento di cui abbiamo discusso sulle blockchain esistenti.

Inoltre, i costi di gestione di tali reti sono notevolmente ridotti perché esiste effettivamente una catena (Relay) responsabile del funzionamento.

Un altro importante vantaggio di Polkadot è la facilità con gli sviluppatori. La maggior parte delle parachain sono costruite utilizzando Substrate, un framework modulare che consente di costruire blockchain secondo le specifiche in poche ore. Poiché la catena di inoltro è costruita su substrato, qualsiasi blockchain basata su substrato può facilmente connettersi alla rete.

Il futuro

La catena di inoltro della rete Polkadot è attiva da maggio 2020. Kusama può essere pensato come una rete di prova per Polkadot. In questo momento, la funzionalità del protocollo Polkadot è in fase di test su questa rete. Un meccanismo speciale di distribuzione degli abbonamenti alle paracatene.

Click to rate this post!
[Total: 1 Average: 5]

Leave a Reply